Lorenzo Beretta alla guida del Consorzio Salame Cacciatore

Consorzio

Comunicato stampa
Lorenzo Beretta alla guida del Consorzio Salame Cacciatore per altri tre anni
Milano 15 maggio 2015 – L’Assemblea del Consorzio Salame Cacciatore che si è tenuta lo scorso 16 aprile 2015 ha riconfermato Lorenzo Beretta come Presidente per il prossimo triennio.

E’ stato anche nominato il nuovo Consiglio di Amministrazione che è così costituito: Lorenzo Beretta (Salumificio Fratelli Beretta Spa); Nicola Levoni (Levoni Spa);  Emanuela Bertoletti (Salumificio Bertoletti Srl); Stefano Bettinardi (Villani Spa); Guido Bianco (Giuseppe Citterio Spa); Stefano Bortolotti (Salumi Bortolotti Srl); Enrico Ligabue (Grandi Salumifici Italiani Spa)

Lorenzo Beretta, laureato in Economia e Commercio presso l’Università degli Studi di Bergamo, ha formato la sua esperienza lavorativa presso la F.lli Beretta Spa, dove oggi ricopre la carica di Direttore commerciale e di Consigliere d’Amministrazione.
Lorenzo Beretta, è un giovane Presidente di 42 anni, con già una qualificata esperienza in ambito Associazionistico. E’ Vice Presidente di ISIT (Istituto Salumi Italiani Tutelati) ed è Consigliere dell’IVSI (Istituto Valorizzazione Salumi Italiani).

Tre anni intensi quelli appena trascorsi per il Consorzio. Vigilanza, monitoraggio del mercato, promozione, le tre principali attività.

“In questi anni, abbiamo rafforzato molto l’attività di vigilanza di mercato nell’ambito delle cosiddette pratiche commerciali svalorizzanti e abbiamo compiuto diverse azioni, soprattutto di sensibilizzazione, nei confronti dei produttori per evitare rischi di danni all’immagine del prodotto” ha spiegato Beretta.

Uno delle attività che ha impegnato maggiormente il Consorzio è stato il costante monitoraggio del mercato. “A questo fine abbiamo ottenuto la quotazione del Salame Cacciatore DOP dalla Borsa merci di Parma con l’obiettivo sia di avere una quotazione realistica sia di possedere utili strumenti per evitare fenomeni di svalorizzazione dovuti al prezzo” ha precisato il Presidente Lorenzo Beretta.

Dal punto di vista della commercializzazione è stata attivata la possibilità di affettare il Salame Cacciatore DOP, attraverso una integrazione del processo di controllo. “Ciò potrebbe ragionevolmente consentire un maggior sviluppo commerciale di questo prodotto, anche all’estero. Il Consorzio a tal fine ha anche predisposto una direttiva che regolamenta l’intero processo di affettamento e il confezionamento delle vaschette. Su questo versante spingeremo molto per incrementare le vendite”.

I prossimi tre anni non saranno meno impegnativi, anzi. Tanti i progetti, le novità, gli eventi.

“Tra i tanti obiettivi che ci siamo prefissati per il futuro, c’è sicuramente un forte impegno per tutelare il Salame cacciatore DOP, contrastando e intervenendo sulle contraffazioni ed imitazioni. Proseguiremo inoltre con il monitoraggio del mercato sia nei punti vendita in Italia che all’estero per attuare le giuste strategie di marketing. Strategie che verranno attivate anche per incrementare la vendita del prodotto preaffettato. Sul fronte della comunicazione, oltre a ritornare in campagna Tv, continueremo con la diffusione dei valori nutrizionali, che rispetto al passato sono molto cambiati e migliorati. Tanto che oggi il Salame Cacciatore può essere inserito in qualsiasi tipo di dieta” ha concluso Beretta.

Consorzio Cacciatore
Costituitosi a maggio del 2003, con lo scopo di proteggere e promuovere i Salamini Italiani alla Cacciatora DOP, il Consorzio Cacciatore rappresenta oggi 23 aziende. I consorziati hanno un’etichettatura comune e uniforme (un tassello consortile di facile e d’immediata identificazione) per facilitare la riconoscibilità del prodotto per il consumatore.
Il Consorzio ha la facoltà di agire su tutta la filiera del prodotto Salamini Italiani alla Cacciatora DOP, anche verso i soggetti non consorziati; dispone di poteri di vigilanza, grazie anche a propri “agenti vigilatori” in grado di contrastare abusi, imitazioni, atti di pirateria e contraffazione su tutto il territorio nazionale e non solo. E’ promotore di programmi per migliorare la qualità della produzione in termini di sicurezza igienico-sanitaria, caratteristiche chimiche, fisiche, organolettiche e nutrizionali del prodotto tutelato.
Il riconoscimento del Consorzio da parte del Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali – avvenuto nel 2005 – lo rende l’organo ufficialmente accreditato a svolgere le funzioni di informazione, tutela e valorizzazione dei Salamini Italiani alla Cacciatora DOP.

Per ulteriori informazioni: Ufficio Stampa – Tiziana Formisano – formisano@ivsi.it – 02.8925901